Accettazione

accettazione

Il servizio di accettazione è per molti richiedenti asilo e rifugiati il contatto iniziale con il Centro Astalli. A chi arriva per la prima volta viene rilasciata una tessera valida per sei mesi e rinnovabile, che è uno strumento utile per la registrazione a fini statistici di accessi, nazionalità e status giuridico dei migranti forzati che la ricevono.

Rientrano nell’accettazione i servizi che ineriscono la primissima accoglienza di persone con bisogni urgenti: come la necessità di fare la doccia, lavare i propri vestiti o riceverne di puliti, fare colazione, avere un riparo durante il giorno, ricevere informazioni sugli altri servizi fruibili in via degli Astalli quali la mensa, l’ambulatorio, un primo orientamento socio-legale. Grazie al contributo di Roma Capitale nell’ambito del Piano Freddo e del Piano Caldo per le persone che vivono in strada è stato possibile per sette mesi del 2018 assicurare l’apertura dei servizi anche di mattina, in aggiunta alla consueta apertura pomeridiana.

Nel corso dell’anno si è registrato un aumento dei migranti, soprattutto nei mesi invernali, che si sono rivolti all’accettazione per chiedere coperte e indumenti caldi, trovandosi a vivere per strada. Sono state, inoltre, numerose le famiglie rifugiate che hanno chiesto il “pacco alimentare”: una scorta di cibo che non riescono a procurarsi autonomamente, in assenza di un’entrata economica stabile cui fare affidamento.

Grazie ai volontari e alle donazioni di generi di prima necessità che riceviamo, è possibile gestire tali servizi che si rivelano non di rado essenziali per la stessa sopravvivenza. Con le crescenti difficoltà che i richiedenti asilo e rifugiati incontrano nell’ottenere una residenza, per molti è venuta meno la certezza di un luogo in cui farsi recapitare la posta personale. In mancanza di alternative molti sono stati costretti a usufruire di servizi privati a pagamento, che consegnano la corrispondenza in via degli Astalli, come avveniva anche in passato, ma con un costo da sostenere.

Statistiche 2018

I migranti forzati, in prevalenza uomini, che nel 2018 si sono rivolti a via degli Astalli 14a, oltre ai bisogni essenziali come fare una doccia o ricevere vestiti e coperte, hanno spesso manifestato la difficoltà di ottenere o rinnovare il permesso di soggiorno

Dove siamo

Via degli Astalli, 14/a – 00186 Roma

Testimonianze

Un appuntamento con il mondo “Amsalah, niente musica oggi?”. I ragazzi curdi che arrivano in gruppo alla mensa mi chiamano […]