Scheda Paese 2 – Eritrea

eritrea_bandieraGEOGRAFIA

L’Eritrea fa parte della regione del Corno D’Africa. Il Paese confina a nord e a nord-ovest con il Sudan, a sud con l’Etiopia e Djibouti. Il Mar Rosso bagna le coste del nord e del nord est. La superficie del Paese è di 117.400 km2, ripartita in tre zone: la costa, per lo più pianeggiante e desertica; la zona centrale, montuosa e fertile e l’area occidentale, pianeggiante. Il cuore del Paese è costituito da un elevato altopiano, noto come Acrocoro etiopico, che occupa circa la metà del territorio presentando un’altitudine media di quasi 2000 metri. Nella parte settentrionale dell’altopiano, chiamata Rift Valley, si trova il lago Tana da dove nasce il Nilo Azzurro, uno dei due grandi affluenti del Nilo.
La diversità territoriale, oltre a determinare un clima diverso in ogni area del Paese, costituisce anche il contesto ideale per una fiorente fauna e flora. Il clima è temperato nelle zone montuose e caldo nei bassi piani. I mesi più piovosi sono quelli che vanno da giugno a settembre ma piogge frequenti possono verificarsi anche tra febbraio e marzo.

ECONOMIA

L’economia eritrea si basa principalmente sull’agricoltura e in tale settore è occupato circa l’80% della popolazione. Nonostante ciò questo settore è poco remunerativo e contribuisce a una piccola parte del Prodotto Interno Lordo (11,7% del PIL) del Paese. L’agricoltura fornisce prodotti per l’esportazione quali cotone, frutta, vegetali, pellame e carne. Al raggiungimento dell’indipendenza, nel 1993, il governo aveva promesso l’istituzione di un’economia di mercato e l’inizio di un processo di privatizzazione. Queste promesse sono state di gran lunga disattese e oggi il governo controlla completamente il settore economico.
La guerra con l’Etiopia, sviluppatasi tra il 1998 e il 2000, ha danneggiato gravemente l’economia del Paese. Nel 1999, la crescita del Prodotto Interno Lordo era stata pari a zero mentre l’anno successivo questo indicatore aveva fatto registrare perfino un valore negativo, con una crescita pari a -12,1%. Ulteriore effetto del conflitto è stata la perdita e/o il danneggiamento di moltissime proprietà, case e bestiame e il calo della produzione agricola del 62%.
Nonostante gli attriti con i Paesi confinanti, l’Eritrea ha sviluppato nuove infrastrutture, proceduto ad asfaltare nuove strade, migliorare i porti e ricostruire le strutture danneggiate dalla guerra. Dalla fine delle ostilità il governo ha mantenuto un forte controllo sull’economia: l’utilizzo di monete straniere è stato fortemente limitato come anche la diffusione delle imprese estere. Gli investimenti stranieri e locali sono stati scoraggiati da una serie di regolamenti arbitrari ed estremamente complessi.
L’economia del Paese dipende fortemente dalle rimesse degli eritrei emigrati all’estero.
Lo sviluppo dell’agricoltura è ostacolato dalla scarsità delle piogge e dalla mobilitazione degli agricoltori, sottratti a questo settore e messi a servizio dell’industria militare. Questa circostanza ha fatto sì che negli ultimi anni l’Eritrea non sia stata in grado di far fronte al fabbisogno alimentare della propria popolazione. Il governo ripone tutte le speranze in progetti internazionali per lo sfruttamento delle risorse minerarie: una impresa canadese nel 2007 ha firmato un contratto con il governo eritreo per l’estrazione di sostanze minerarie che è iniziata nel 2010. Il futuro economico dell’Eritrea dipende dalla capacità della nazione di gestire le questioni sociali come il tasso di alfabetizzazione, la disoccupazione e, soprattutto, la volontà del governo di sviluppare una reale economia di mercato. L’introduzione del nuovo Nafka (la valuta eritrea), avvenuta a novembre 2015, ha avuto ripercussioni sulla sussistenza di molte famiglie.

INDICI DEMOGRAFICI E DI SVILUPPO

Eritrea_indici

 

 

 

 

CONTESTO STORICO E SOCIO-CULTURALE

Eritrea_Scheda_PaeseCONTESTO STORICO

Tra il 1960 e il 1990 lo Stato dell’Eritrea fu sconvolto da uno dei più duraturi conflitti del continente africano. Nell’arco di questi trent’anni furono 500.000 i rifugiati che cercarono riparo nel vicino Sudan e più di 100.000 quelli che si diressero verso altri Paesi in cerca di pace e sicurezza.
Nel 1993, anno che segnò la fine della guerra civile e il raggiungimento dell’indipendenza, emersero forti speranze che questa triste tendenza si potesse invertire e che l’Eritrea potesse finalmente procedere verso la pace e la democrazia. Queste speranze vennero fortemente disattese: non solo il conflitto armato continuò ad essere una costante nella vita del Paese, ma si instaurò un governo totalitario che represse ogni speranza democratica. Ancora oggi l’Eritrea è il nono paese di origine da cui scappano più migranti forzati in cerca di protezione internazionale: l’UNHCR conta 459.430 rifugiati eritrei nel 2016 contro i 407.449 del 2015.

Colonizzazione e lotta per l’indipendenza (1989- 1993)
Nel 1889 l’Eritrea venne dichiarata ufficialmente colonia italiana e rimase sotto il dominio italiano fino al 1941.
Nel 1941, le forze britanniche invasero l’Eritrea e, nel 1949, questa assunse lo status di territorio in amministrazione fiduciaria delle Nazioni Unite, amministrata dalla Gran Bretagna.
Nel 1950, le Nazioni Unite autorizzarono la costituzione della Federazione di Etiopia e di Eritrea nella quale quest’ultima avrebbe costituito un territorio federale autonomo sotto il dominio della corona etiope. Ben presto gli equilibri si sbilanciarono a favore dello Stato etiope, rendendo Addis Abeba il centro degli affari economici e politici e provocando una progressiva marginalizzazione e un crescente impoverimento dell’Eritrea.
Nel 1962 gli equilibri della Federazione si ruppero totalmente: Haile Selassie (imperatore dell’Etiopia) procedette all’annessione dell’Eritrea, provocando la formazione di un movimento indipendentista e l’inizio di una guerra per l’indipendenza che avrebbe caratterizzato le relazioni tra i due Stati per i successivi trent’anni.
Nel 1993, dopo trent’anni di sanguinosi scontri con il Governo etiope del Derg (governo militare di ispirazione comunista), all’indomani della deposizione di Mengistu Haile Mariam, il Fronte per la Liberazione del Popolo Eritreo (principale esponente del movimento nazionalista) ottenne l’indizione di un referendum con il quale il popolo eritreo poté esprimersi al riguardo dell’indipendenza del Paese. Le votazioni, tenutesi nell’aprile 1993, registrarono il 99,3% di voti in favore dell’indipendenza che fu ufficialmente proclamata nel maggio successivo.

Conflitto con l’Etiopia (1998 – 2000)
I buoni rapporti che, all’indomani dell’indipendenza, caratterizzarono le relazioni tra l’Etiopia e l’Eritrea, nel corso degli anni novanta, subirono un progressivo deterioramento.
Principali fattori di questa involuzione furono tre questioni che vedevano contrapporsi gli interessi dei due Stati:
- la demarcazione dei confini e, in particolare, il possesso della città di Badme;
- l’introduzione da parte dell’Eritrea di una propria valuta;
- l’accesso al porto di Assab – struttura situata in territorio eritreo – il cui uso in base ad un accordo concluso al momento della concessione dell’indipendenza, sarebbe avvenuto congiuntamente da parte dei due Stati.
Nel 1998, le tensioni tra i due Paesi giunsero all’apice dando vita ad un confronto armato durante il quale ciascuno Stato lamentava la violazione dei confini nazionali da parte dell’altro. Dopo due anni di conflitto, il 18 giugno 2000, si giunse all’Accordo di pace di Algeri che prevedeva il ritorno alle posizioni territoriali precedenti l’inizio delle ostilità, la creazione di una zona demilitarizzata di circa 25 km all’interno del territorio eritreo, l’invio di una missione di peacekeeping delle Nazioni Unite e la demarcazione dei confini ad opera di un organismo indipendente: la Commissione sul confine Eritrea-Etiopia.

La questione di Badme
Nel settembre 2000, le Nazioni Unite istituirono l’UNMEE (United Nations Mission in Ethiopia and Eritrea), che aveva il compito di monitorare il cessate il fuoco e sorvegliare la zona. Nel 2002, la Commissione annunciò la sua decisione sulla questione dei confini: la città di Badme, occupata dall’Etiopia durante il conflitto, venne assegnata all’Eritrea.
Entrambi i Paesi dichiararono di accettare le conclusioni della Commissione ma, in realtà, in Etiopia, la mancata assegnazione della città di Badme provocò forte malcontento. Pur riconoscendo il valore della decisione della Commissione il Paese ne contestò subito alcuni aspetti pratici.
La questione di Badme provocò un irrigidimento delle relazioni tra i due Paesi. In particolare l’Eritrea iniziò a temere di non vedersi riconosciuto il controllo reale del territorio assegnatole, mostrando una certa delusione per la riluttanza manifestata dalla comunità internazionale nel far accettare all’Etiopia le conclusioni della Commissione. La prima conseguenza di questa mancanza di fiducia negli accordi presi fu l’inasprimento dell’atteggiamento eritreo nei confronti della missione delle Nazioni Unite della quale, a partire dall’ottobre del 2005, ostacolò fortemente le operazioni.
Alla fine del 2006, la Commissione comunicò che, in assenza di nuovi sviluppi, avrebbe proceduto autonomamente alla fissazione dei confini. All’avvicinarsi della scadenza dell’ultimatum, le tensioni tra i due Stati crebbero notevolmente senza riuscire a giungere ad uno sviluppo positivo.
Infine, nel novembre 2007, la Commissione si sciolse avendo solo determinato le coordinate per la demarcazione dei confini, ma non avendo provveduto ad alcuna delimitazione concreta.
Nel gennaio 2008, l’Eritrea dispiegò il proprio esercito lungo la zona demilitarizzata, spingendo la missione delle Nazioni Unite fuori da questi territori. L’Eritrea ritenne, infatti, che la demarcazione virtuale indicata dalla Commissione dovesse porre fine alla disputa circa la delimitazione dei confini, ragione per cui non vi era più alcun motivo che potesse giustificare la presenza sul proprio territorio del le truppe dell’UNMEE.
Nel luglio 2008, le truppe UNMEE e l’esercito etiope abbandonarono la regione.
Ancora oggi tra i due Stati permane una situazione di stallo: da una parte l’Etiopia continua a mantenere il controllo della città di Badme, affermando che la demarcazione virtuale indicata dalla Commissione non possa essere considerata vincolante. L’Eritrea, di contro, continua a mantenere le truppe nella zona demilitarizzata chiedendo il rispetto di quanto stabilito dalla Commissione.

Il “costo umano” del conflitto
La situazione di tensione tra i due Paesi, che si prolunga ormai da più di dieci anni, ha avuto conseguenze disastrose sulle popolazioni dei due Stati: 85.000 i rifugiati eritrei che hanno cercato protezione in Sudan durante il conflitto del 1998-2000 e oltre un milione gli sfollati a causa dei combattimenti. Le tensioni che sono sopraggiunte negli anni successivi hanno ulteriormente aggravato il costo umano del conflitto causando altri 50.000 sfollati, in maggioranza persone costrette ad abbandonare le proprie case situate all’interno della zona demilitarizzata.
Durante il conflitto del 1998-2000, particolarmente grave è stato il trattamento riservato dall’Etiopia agli etiopi aventi origine eritrea: l’Etiopia, infatti, ha privato della nazionalità etiope circa 120.000 cittadini di origine eritrea e proceduto all’espulsione di oltre 70.000 persone.
La legge sulla cittadinanza allora in vigore in Etiopia stabiliva che il cittadino etiope dovesse rinunciare alla propria nazionalità qualora ne avesse acquisita un’altra. Secondo il governo etiope, i cittadini di origine eritrea che avevano partecipato al referendum del 1993 sull’indipendenza dell’Eritrea avevano manifestato l’intenzione di voler rinunciare alla nazionalità etiope.
Durante lo stesso periodo, gli eritrei e gli etiopi di origine eritrea che non sono stati costretti a lasciare il Paese hanno subito la confisca arbitraria e discriminatoria delle loro proprietà e restrizioni nell’accesso al lavoro, all’educazione, ai servizi sociali e alla libertà di circolazione.
La situazione degli etiopi (di origine eritrea) privati della propria nazionalità durante questo periodo ha trovato una soluzione solo alla fine formale del conflitto e tra il 2003 e il 2004, quando il Governo etiope ha emanato leggi che hanno definito chiaramente la questione dell’acquisizione e della perdita della cittadinanza etiope nonché i diritti degli stranieri residenti sul territorio.
Sfortunatamente questa vicenda ha favorito il formarsi di un atteggiamento discriminatorio nei confronti dei cittadini eritrei presenti in Etiopia.

Il Governo di Isayas Afewerki
All’indomani dell’indipendenza, il partito del Fronte per la Liberazione del Popolo Eritreo, rinominatosi Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia, ha assunto il potere e si è trovato ad affrontare una sfida dal massimo impegno: costruire la nuova Eritrea dalle fondamenta. Nel 1993, il Governo ha proceduto all’istituzione, mediante elezioni, di un Parlamento provvisorio, inclusivo di membri appartenenti ad ogni formazione partitica e, nel 1997, è stata adottata una nuova Costituzione che ha introdotto un certo grado di pluralismo politico. Le norme costituzionali, tuttavia, non sono mai state applicate, in parte a causa dello scoppio del nuovo conflitto con l’Etiopia.
Nel corso degli ultimi vent’anni, i rapporti tesi con gli Stati confinanti hanno offerto scuse e pretesti per esercitare un governo sempre più oppressivo. Il Presidente Isayas Afewerki ha proceduto a una svolta autoritaria giungendo ad avere il pieno controllo del potere economico, politico, sociale e religioso del Paese.
Il Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia è rimasto l’unico partito ufficialmente riconosciuto, mentre il Parlamento provvisorio non si è più riunito dal 2002. Inoltre il settore giudiziario è totalmente controllato dall’esecutivo e anche la stampa è priva di qualsiasi autonomia.
Nel 2001, quindici membri del Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia, i cosiddetti G15, hanno indirizzato una lettera al Presidente Isayas Afewerki chiedendo il rispetto della Costituzione e l’indizione di elezioni multipartitiche. Il Presidente ha reagito ordinando l’arresto di undici dei firmatari del testo, annunciando che non sarebbe stata permessa la formazione di nuovi partiti politici e rinviando le elezioni ad una data indefinita. Dopo questo avvenimento, l’atteggiamento del Governo è diventato sempre più sospettoso e numerosi sono stati gli arresti e le detenzioni di carattere politico.

Conflitto con Djibouti (2008)
Nel giugno 2008 una disputa, avente alla base la rivendicazione eritrea dell’area di Domueria, ha prodotto scontri tra l’esercito eritreo e quello di Djibouti. Nel gennaio 2009 Djibouti ha riportato le proprie truppe alle posizioni precedenti l’inizio delle ostilità, mentre l’Eritrea ha continuato a mantenere il suo esercito nel territorio straniero. Una svolta nelle relazioni tra i due Stati è avvenuta nel 2010, quando si è giunti ad un accordo per sottoporre ad arbitrato internazionale la disputa sul confine comune. L’accordo di arbitrato è stato siglato il 6 giugno 2010 dal presidente eritreo Isaias Afewerki e da quello di Djibouti Ismail Omar Guelleh, grazie alla mediazione del Qatar. Si spera che ciò possa riaprire una fase di distensione tra i due Paesi.

Ultimi avvenimenti (2011-2018)
Nel marzo del 2011 l’Etiopia ha accusato l’Eritrea di aver inviato agenti lungo le frontiere per piazzare delle bombe e ha, per questo, minacciato di porre in essere tutte le misure necessarie per fermare l’aggressione da parte dell’Eritrea. Il mese successivo, inoltre, l’Etiopia ha, per la prima volta, apertamente dichiarato di voler supportare i gruppi ribelli dell’Eritrea nella lotta finalizzata a destituire il presidente Afewerki.
Dal mese di giugno al mese di settembre 2011, le condizioni della regione del Corno d’Africa si sono ulteriormente aggravate a causa della peggiore siccità degli ultimi 50 anni.
A marzo del 2012, le truppe etiopi hanno attaccato le posizioni nel sud est dell’Eritrea, sostenendo che in quella zona venissero addestrati appartenenti a gruppi sovversivi.
Intanto, nell’aprile del 2012, Afewerki è apparso in TV per la prima volta dopo un mese di assenza per smentire le voci diffuse circa la sua probabile morte o una grave malattia.
A luglio del 2012 lo Human Rights Council delle Nazioni Unite ha nominato Sheila Keetharuth come rappresentante speciale sui diritti umani per l’Eritrea.
Il 21 gennaio del 2013 alcuni militari dissidenti hanno occupato l’edificio del Ministero dell’Informazione ad Asmara chiedendo la liberazione di alcuni prigionieri politici.
Nel mese di maggio 2013, il Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite ha dichiarato che una brutale repressione, attuata anche attraverso delle esecuzioni extragiudiziali, ha costretto alla fuga migliaia di persone.
A dicembre del 2013 uno studio presentato al Parlamento Europeo ha evidenziato come circa 30.000 eritrei siano stati rapiti e condotti nel Sinai egiziano, tenuti in ostaggio e torturati. Il governo eritreo ha smentito le accuse sul possibile coinvolgimento di propri funzionari.
A giugno 2014 il Consiglio Onu per i diritti umani dà il via a un’inchiesta (di un anno) sui diritti umani in Eritrea; l’accusa è che il governo di Asmara è invischiato in una lunga serie di abusi e che circa il 6% della popolazione è fuggita dal paese; Asmara rigetta le accuse come infondate e dichiara che non coopererà.
A novembre 2014 l’Agenzia Onu per i rifugiati rivela un incremento drammatico nel numero degli eritrei che fuggono dal proprio paese verso l’Etiopia; molti di essi cercano solo di sfuggire a nuova campagna di arruolamento forzato messa in atto dalle forze armate. Sempre a novembre 2014 l’UNHCR fa sapere che si è registrato un forte aumento di persone in fuga da Eritrea ed Etiopia a causa leva militare obbligatoria.
A giugno 2015 una relazione dell’ONU accusa il Governo dell’Eritrea di eseguire violazioni sistematiche dei diritti umani, che a sua volte respinge le accuse ritenendo la relazioni mossa da motivi politici.
A novembre 2015 il Governo introduce delle nuove banconote, e mettendo fuori corso le vecchie, secondo alcuni critici a causa della necessità di frenare un fiorente mercato nero.
A maggio 2016 l’Eritrea risulta essere, per il nono anno consecutivo, il paese con il più basso indice di libertà di stampa per i giornalisti. Nel mese di luglio del 2016 il Consiglio delle Nazioni Unite sui diritti umani invita l’Unione africana a indagare i dirigenti eritrei per presunti crimini contro l’umanità.
A giugno 2017 sale la tensione tra Gibuti e l’Eritrea dopo il ritiro delle truppe militari del Qatar dalla zona di confine contestata. Nello stesso periodo, giugno 2017, la capitale Asmara viene inserita tra i siti archeologici patrimonio dell’umanità dall’Unesco.
Il 9 luglio 2018 il premier etiope Abiy Ahmed e il presidente eritreo Isaias Afwerki firmano un accordo di pace tra i due Paesi, ufficialmente in guerra dal 1998. Sono stati concordati la riapertura della rotta aerea diretta tra le due capitali, del commercio bilaterale e delle rispettive ambasciate. È stata annunciata anche la ripresa delle linee telefoniche per la prima volta negli ultimi due decenni.
Il 30 luglio 2018 Eritrea e Somalia firmano un accordo che ristabilisce le relazioni diplomatiche tra i due Paesi, dopo oltre vent’anni di tensione.
A novembre 2018 il Consiglio di Sicurezza ONU revoca le sanzioni in vigore contro l’Eritrea dal 2009 per il suo presunto sostegno ai jihadisti di Al-Shabaab. Con la risoluzione terminano l’embargo sulle armi, il congelamento dei beni e il divieto di viaggi.

CONTESTO SOCIO-CULTURALE

La popolazione eritrea comprende nove principali gruppi etnici. Il gruppo più numeroso è rappresentato dai Tigrini con una percentuale del 55%, poi ci sono i Tigrè (30%), i Saho (4%), i Kunama (2%), i Rashaida (2%), i Bilen (2%) e altri (5%).
La maggior parte della popolazione eritrea parla lingue derivanti dalla famiglia semitica o cuscitica.
I Tigrini e i Tigrè, che rappresentano la stragrande maggioranza della popolazione, parlano due idiomi differenti, ma tra di loro comprensibili. Il tigrino e l’arabo sono le lingue che più spesso si utilizzano per le relazioni commerciali e quelle ufficiali. Nelle zone urbane l’inglese è molto diffuso ed è la lingua parlata nelle scuole secondarie e nelle università.
È possibile che alcuni eritrei conoscano la lingua amarica (principale lingua dell’Etiopia).
Durante il periodo di occupazione etiope dell’Eritrea, infatti, il governo di Addis Abeba lese i diritti degli eritrei anche imponendo l’amarico come lingua del governo, dell’educazione e del commercio. Tuttavia l’amarico non è una lingua ammessa nell’Eritrea post-indipendente. Ad esempio, il governo eritreo ha proibito le canzoni in lingua amarica.

Gruppi etnici

Tigrini: (zigrini) vivono nell’altopiano centrale e meridionale, la maggior parte di essi è dedita all’agricoltura. I tigrini sono in maggioranza cristiani appartenenti alla Chiesa ortodossa, con minoranze di cattolici e protestanti. La restante parte dei tigrini è di religione islamica sunnita. Riferendosi a se stessi, alla loro lingua e cultura, usano il termine habesha, che fu anglicizzato nella parola Abissinia.

Tigrè: vivono nella regione del Mar Rosso settentrionale, Anseba e Gash Barka. Tradizionalmente essi conducono un tipo di vita nomado-pastorale, simile a quello dei loro vicini cuscitici del nord, i beja, stabilendo tra l’altro con essi delle relazioni. I tigrè si dedicano all’agricoltura coltivando granturco, sorgo e altri cereali per diversi mesi all’anno. Tradizionalmente i gruppi Tigrè hanno una struttura sociale gerarchica con a capo una piccola aristocrazia nota come shemagille, che governa la maggioranza dei tigrè.

Saho e afar: gruppi etnici discendenti da una popolazione di lingua cuscitica proveniente dall’altopiano orientale che, dedicandosi alla pastorizia si sono, nel tempo, adeguati al terreno arido dei bassopiani. I saho abitano lungo la costa e nell’entroterra nei pressi della città di Massawa e si spostano seguendo il corso delle stagioni. Nei secoli hanno stabilito rapporti di reciprocità con i tigrini della zona, questo ha gradualmente portato all’insediamento di gruppi di saho fra i tigrini dell’altopiano cosicché, attualmente, esistono diversi villaggi ad Akele-Guzai dove saho e tigrini vivono insieme.
I saho degli altopiani sono diventati agricoltori, riprendendo la tradizione portata avanti dagli antenati prima di scendere verso la costa migliaia di anni fa.
Un’attività prestigiosa che caratterizza questo gruppo è l’allevamento di api e la produzione di miele. I saho sono organizzati in una struttura sociale patriarcale, divisa in sette sottogruppi ognuno dei quali ha un capo tradizionale chiamato rezanto.
Gli afar vivono in una regione del tutto inospitale: la depressione Dancala e lungo la costa del Mar Rosso fino a Djibuoti e oltre. La maggior parte dell’area è caratterizzata da un deserto arido. Gli afar sono pastori e si muovono con il loro bestiame (cammelli e capre) vivendo in capanne realizzate con rami intrecciati coperti di stuoie e pelli facilmente trasportate da cammelli. I cammelli vengono anche utilizzati per trasportare sugli altopiani il sale che viene estratto dopo un lungo processo di essiccazione, mantenendo vivo, in tal modo, un commercio che dura da secoli.
Nelle piccole oasi del territorio afar si coltivano mais e tabacco. In alcune aree dell’altopiano gli afar vivono stabilmente in case di pietra o grotte scavate nella roccia.
Lungo la costa, inoltre, alcuni sono impegnati nella pesca e molti lavorano come marinai su navi mercantili. La struttura sociale degli afar è di tipo patriarcale.

Kunama: stanziati nella zona di Gash Barka, nel bassopiano occidentale al confine con il Sudan. La principale fonte di sostentamento dei kunama è il bestiame ma si dedicano anche alla coltivazione di diverse varietà di cereali e vegetali e alla pratica della caccia. La struttura sociale di questo gruppo etnico è di tipo patriarcale: gli anziani godono di un grande rispetto e prendono le decisioni più importanti. I giovani maschi, raggiunta l’adolescenza, sono sottoposti ad alcuni riti d’iniziazione e durante questo periodo studiano, in particolare, le tecniche della caccia.
Una volta uomini, sono considerati pronti al matrimonio e liberi di scegliere la propria sposa. Rinomati danzatori, i kunama hanno sviluppato più di 25 tipi di danze che spesso rappresentano eventi storici.

Rashaida: rappresentano l’ultimo gruppo semitico partito dalla penisola arabica e arrivato in Eritrea, nella metà del secolo scorso.
La loro terra d’origine era l’Hijaz, dove una battaglia persa con altri gruppi arabi li obbligò ad attraversare il Mar Rosso fino ad arrivare nel Deserto Nubiano, che si estende lungo il confine tra l’Eritrea e il Sudan. I rashaida vivono allevando cammelli, sono organizzati in clan su base patriarcale, si sposano solo tra di loro e questo ha permesso loro di mantenere intatta la propria cultura.

Beja e bileni: il gruppo dei beja, conosciuto dai greci come “blemmyes”, vive sulle coste del Mar Rosso da migliaia di anni. La maggior parte della popolazione Beja è semi-nomade e dedita alla pastorizia. I beja sono, inoltre, rinomati allevatori di cammelli. La maggior parte degli appartenenti a questa etnia vive nel deserto Nubiano, che si estende lungo il confine fra Sudan ed Eritrea, il resto vive nella più fertile area a sud-est di Agordat dedicandosi all’agricoltura. Le persone sono organizzate in gruppi in base alla discendenza patriarcale e le donne sono escluse da tutte le attività socio-politiche. In alcune aree la lingua dei beja viene sostituita dal tigrè, perché i ricchi beja sono soliti sposare donne tigré ed è a queste ultime che si devono i cambiamenti nell’uso della lingua in famiglia. A sud del territorio abitato dai beja, intorno alla città di Keren, vivono i bileni che formano una piccola enclave che parla la lingua cuscitica. Hanno una tradizione contadina e la loro struttura sociale è organizzata per gruppi di parentela. Come la lingua beja, il bilen, la lingua parlata da questo gruppo, è stata lentamente rimpiazzata dal tigré e dal tigrino in seguito ai matrimoni, alle relazioni sociali ed economiche tra questi gruppi e, in qualche misura, dall’arabo tramite l’insegnamento nelle scuole.

Nara: gruppo etnico originariamente vicino a quello dei kunama, la sua economia si basa sull’agricoltura e sull’allevamento. A metà del 1800 gli egiziani li convertirono all’islam e la struttura familiare passò da matriarcale a patriarcale.

ORDINAMENTO DELLO STATO

La Costituzione eritrea, ratificata nel 1997, prevede l’attuazione del pluralismo politico e la presenza di un Parlamento eletto composto da 150 seggi. Il Parlamento dovrebbe eleggere a maggioranza il Presidente, scegliendolo tra i suoi membri. Tuttavia, come già precisato, il sistema previsto dalla Costituzione non ha mai trovato attuazione. Le elezioni previste nel 2001 sono state posticipate in data in definita. L’Assemblea Nazionale Transitoria è composta interamente da membri del Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia, il partito che sostiene il Presidente Afewerki.
Nel 2004 si sono tenute le elezioni per le assemblee regionali, ma queste sono state completamente manipolate e controllate dal partito al potere e non hanno permesso un libero esercizio del diritto di voto da parte della popolazione.
Di fatto, il Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia e l’esercito rappresentano le sole istituzioni politiche realmente operanti in Eritrea, entrambe strettamente subordinate al potere del Presidente. La formazione di altri partiti politici è proibita. Il settore giudiziario è totalmente controllato dall’esecutivo e anche la stampa è priva di qualsiasi autonomia.

SERVIZIO MILITARE

Il servizio militare in Eritrea viene istituito con la legge n. 82/95 (PROCLAMATION N. 82/95). Essa stabilisce l’obbligatorietà del servizio militare nazionale per tutti i cittadini tra i 18 e i 50 anni, indipendentemente dal sesso.
Il servizio militare si distingue in “servizio attivo” e “servizio di riserva”. Il servizio nazionale “attivo” consiste in 6 mesi di addestramento militare e in 12 mesi durante i quali il cittadino è chiamato a svolgere attività di tipo militare o a prestare servizio per progetti nazionali di sviluppo. Nella maggior parte dei casi si tratta di lavori forzati nell’ambito di progetti statali come la costruzione di strade o lavori alle dipendenze di società gestite dall’élite di partito o dell’esercito.
Il “servizio di riserva” ha la funzione, invece, di rafforzare l’esercito regolare in caso di attacco o di invasione di truppe straniere, di difesa da attacchi interni alla sovranità dello Stato ecc …
Nei primi anni successivi all’indipendenza, coloro che venivano chiamati a prestare il servizio militare erano generalmente congedati dopo 18 mesi e lasciati liberi di tornare alle proprie professioni. Dal 2000 questo scenario è radicalmente cambiato e, sulla base di direttive governative decretanti lo stato di emergenza o di mobilitazione, i cittadini tra i 18 e i 50 anni sono stati chiamati a prolungare il periodo di svolgimento del servizio nazionale. In ultimo, nel 2002 un proclama governativo ha definitivamente esteso a tempo indeterminato la prestazione del servizio.
Conseguenza principale di questa politica è che tutti i cittadini eritrei sono tenuti a svolgere per buona parte della propria vita attività lavorative, prevalentemente militari, assegnate loro dallo Stato. Il controllo dell’attività lavorativa è svolto dall’esercito e la paga ricevuta corrisponde ad una somma minima mentre il restante denaro, che sarebbe normalmente percepito per quel tipo di attività, è destinato al Ministero della Difesa. Lo stipendio corrisposto per il lavoro prestato durante il servizio nazionale è al di sotto della cifra minima necessaria per la sopravvivenza nel Paese.
Migliaia di cittadini eritrei, in maggioranza giovani, scappano dal Paese a causa delle dure condizioni previste durante lo svolgimento del servizio militare. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), nel 2016, ha riportato che 69.600 eritrei sono fuggiti dal Paese. Tra i rifugiati ci sono molti minori non accompagnati, 4.700 nel 2016, in media dell’età di 16 anni.
Il reclutamento ha inizio, infatti, proprio in età scolare: agli studenti è richiesto di completare l’ultimo anno di scuola superiore al campo di addestramento di Sawa. Bambini dell’età di 15-16 anni vengono presi durante alcune retate e portati a Sawa.
Anche le donne devono prestare obbligatoriamente il servizio di leva. Esse subiscono un trattamento particolarmente duro: numerosi sono i casi denunciati di molestie sessuali, violenze e stupri. Sotto la minaccia di essere assegnate ai compiti più duri o di non ottenere il congedo, le donne sono spesso vittime di torture, detenzioni, maltrattamenti e privazioni del cibo.

Pene formali e informali applicate nei casi di diserzione o renitenza alla leva
L’art. 37 del Proclamation 82/95 elenca una serie di sanzioni previste per coloro che cercano di evitare lo svolgimento del servizio militare. La disposizione generale (art. 37.1) prevista per qualsiasi violazione della legge 82/95 comprende la detenzione fino a due anni, l’applicazione di una multa, o la combinazione di entrambe le sanzioni. Le stesse pene sono applicate nei casi di deliberato ritardo nell’iscrizione ai registri militari o per aver evitato la leva mediante l’uso di metodi ingannevoli o di ostruzionismo (art. 37.4).
La legge regola anche il caso in cui una persona si rechi all’estero allo scopo di evitare lo svolgimento del servizio (art. 37.3). Se il coscritto fa ritorno in patria prima del compimento dei 40 anni sarà comunque obbligato a svolgere il servizio. Diverse le sanzioni rivolte a coloro che ritornano dopo il compimento dei 40 anni ed entro il compimento dei 50: la legge prevede una pena detentiva di 5 anni, la perdita del diritto al lavoro o della licenza commerciale, l’impossibilità di ottenere un regolare visto di uscita dal Paese nonché la perdita dei diritti di proprietà sui terreni.
Un rapporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) sottolinea che oltre alle sanzioni previste nel Proclamation 82/95, alcune violazioni delle leggi militari sono disciplinate e punite anche dal Codice Penale Transitorio. Quest’ultimo regola i casi di mancato inserimento o re-inserimento nei registri militari, tentativo di esenzione illegale dal servizio, diserzione, assenza non autorizzata, rifiuto di svolgere il servizio di leva o auto-ferimento allo scopo di essere dispensato dal servizio. Per questi casi le pene previste dal codice vanno da 6 mesi a 10 anni di carcere, a seconda della gravità dell’atto commesso.
Nei casi in cui la diserzione avvenga in periodi di mobilitazione e di emergenza nazionale, le pene per i disertori sono significativamente più severe e possono prevedere il carcere a vita o, nei casi più gravi, la pena di morte.
Se queste sono le pene formalmente previste dalla legge, numerosi rapporti delle organizzazioni internazionali sottolineano che i metodi di fatto applicati per punire i disertori o coloro che cercano di sfuggire al reclutamento violano in modo ancora più grave i diritti umani. Essi vengono sottoposti a tortura o a trattamenti inumani, a lunghi periodi di detenzione senza processo o costretti ai lavori forzati.
Si riporta, inoltre, che il governo autorizza, nei casi di renitenza, l’uso mortale della forza.
Le persone che si trovano in stato di detenzione per aver tentato la fuga durante il servizio militare spesso muoiono in conseguenza dei maltrattamenti subiti in carcere. L’uso della violenza è frequente anche durante le retate finalizzate ai reclutamenti in cui numerosi sono i casi di giovani e donne che vengono picchiati e uccisi. Nei confronti delle persone trovate nelle vicinanze dei campi minerari o nelle zone di frontiera, vige l’ordine di sparare a vista, giustificato dall’accusa di tentare la fuga dal territorio per sottrarsi al servizio di leva, di aver interferito con lo svolgimento delle attività minerarie o di aver cercato di allontanarsi dal Paese senza un regolare visto di uscita.
Infine, nel caso in cui il disertore o l’evasore non sia rintracciabile, le misure repressive sono prese nei confronti della sua famiglia: l’arresto o la coscrizione obbligatoria di membri della famiglia, l’imposizione di multe, il ritiro dei permessi per svolgere attività commerciali o la chiusura delle stesse (nel caso in cui siano a conduzione familiare) sono tutti metodi molto comuni.

SISTEMA PENITENZIARIO

Condizioni delle carceri
In Eritrea, le condizioni nelle carceri sono durissime e al limite della sopravvivenza. Le persone vengono spesso detenute per lunghi periodi in container sovraffollati, esposti al sole rovente del deserto e senza l’esistenza di vie di areazione o all’interno di celle sotterranee, buie e strette.
All’interno delle prigioni o dei centri di detenzione non viene fornita acqua potabile né cibo a sufficienza e manca un’adeguata assistenza sanitaria così, spesso, i detenuti muoiono di stenti o a causa della mancanza di cure.
Esistono numerosi centri detentivi non ufficiali, molti dei quali localizzati nei campi militari e utilizzati per recludere quanti vengono catturati durante gli arresti di massa e le retate.
I renitenti alla leva vengono, in genere, detenuti nel campo militare di Wi’a dove subiscono maltrattamenti. Alcuni di loro vi sono rimasti per quasi due anni prima di essere riassegnati alle loro unità.
Dalle testimonianze di ex prigionieri emerge che i maltrattamenti durante gli interrogatori e la tortura sono metodi comunemente utilizzati. Inoltre, non viene loro concessa la possibilità di incontrare i familiari e spesso, per rendere impossibili le visite dei parenti, i detenuti vengono trasferiti in strutture molto lontane dal luogo in cui risiedono. In alcuni casi, i parenti offrono case e proprietà come cauzione per il rilascio del proprio congiunto.
Quasi sempre i bambini non vengono portati in strutture specifiche ma in prigioni per adulti, alcuni insieme alle loro madri.
Pochissime le garanzie accordate: le detenzioni sono spesso effettuate in mancanza della formulazione di un’accusa o senza alcuna informazione rispetto al crimine imputato.
È limitata anche la possibilità di accedere a una consulenza legale o a un giudice e sono diffusi gli arresti e le detenzioni arbitrarie.
Il governo, infine, non indaga né monitora le condizioni nei centri di detenzione.

DIRITTI UMANI

LIBERTÀ FONDAMENTALI

Libertà d’associazione e d’assemblea
La Costituzione eritrea garantisce ad ogni cittadino il diritto di costituire associazioni od organizzazioni, anche di tipo politico.
Sebbene il dettato del testo costituzionale preveda tale diritto, dal 1993 il Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia (People’s Front for Democracy and Justice – PFDJ) è l’unico partito riconosciuto ufficialmente e domina la vita pubblica e politica da quando è al potere. È vietata, di fatto, la formazione di qualsiasi associazione o organizzazione privata. Dal 2004, le formazioni politiche di opposizione – quali ad esempio il Partito Democratico e l’Alleanza Nazionale Eritrea – operano in esilio. Oggi la maggior parte di questi partiti si trova in Etiopia o in Sudan e porta avanti la propria propaganda trasmettendo via internet o via satellite.
Le organizzazioni non governative, politiche, sociali e quelle che lavorano per la promozione dei diritti umani non sono autorizzate ad operare nel Paese; ogni gruppo composto da più di sette persone necessita dell’autorizzazione governativa prima di potersi associare e, dal 2008, la formazione dei sindacati, benché spesso composti da impiegati del governo, ha subito una completa paralisi.
Per i raduni pubblici, inoltre, il governo richiede che coloro che si riuniscono in assemblea ottengano un’autorizzazione, tuttavia questa viene solo sporadicamente rilasciata. Le forze dell’ordine fanno irruzione durante gli incontri, sia culturali che religiosi: fotografano, interrogano e registrano il nome dei partecipanti.

Libertà di espressione e di stampa
Nella Costituzione sono tutelate la libertà di espressione del pensiero e di stampa. Anche queste libertà, però, non vengono di fatto garantite ed è impedito l’esercizio della critica.
La condizione del settore dell’informazione in Eritrea continua a essere tra Ie peggiori al mondo
, infatti è una delle poche nazioni che manca di qualsiasi forma di media indipendente. La stampa privata ha cessato di operare nel 2001, con la svolta repressiva del governo di Isaias Afewerki che ha, tra le altre cose, decretato la chiusura di tutti gli organi di stampa e dei mezzi di comunicazione autonomi. In seguito all’attuazione di tali misure numerosi sono stati gli arresti di importanti editori e giornalisti, accusati di aver espresso idee critiche rispetto al governo o di aver riportato informazioni circa l’attività dei partiti di opposizione. Molti operatori della comunicazione hanno lasciato il Paese a causa delle intimidazioni e del rischio di detenzioni arbitrarie.
Il settore dell’informazione aveva già subito una prima limitazione nel 1996 quando una legge (Press Proclamation Law) aveva disposto che nessuna società estera potesse essere proprietaria di mezzi di comunicazione nel Paese e che ogni tipo di pubblicazione fosse sottoposta all’autorizzazione preventiva del governo. Nonostante l’assenza di media indipendenti, la Press Proclamation Law del 1996 continua ad essere applicata.
In un’intervista rilasciata all’emittente svizzera TV4, nel giugno del 2009, il Presidente Afewerki ha giustificato la chiusura degli organi di stampa privati con la motivazione che questi fossero guidati da interessi particolari e ha sottolineato che la reale libertà di espressione in Eritrea può essere garantita solo attraverso i media gestiti dallo Stato.
Attualmente nel Paese ci sono solo tre quotidiani, due emittenti televisive e tre stazioni radio, tutte operanti sotto lo stretto controllo del governo. I giornalisti sono sottoposti ad una rigida sorveglianza e a una forte pressione affinché diano un’immagine positiva dell’operato del governo. Vi è la possibilità di acquistare parabole satellitari e abbonarsi ai media internazionali, ma vige l’assoluto divieto di importare pubblicazioni estere senza la previa autorizzazione dello Stato. Esistono alcune stazioni eritree che cercano di raggiungere dall’estero gli ascoltatori nel Paese, come ad esempio Radio Erena, che trasmette via satellite e via radio da Parigi, oltre ad alcune stazioni schierate con l’opposizione che trasmettono dall’Etiopia.
È fortemente limitato anche l’accesso ad internet. Il governo chiede che tutti i providers utilizzino infrastrutture controllate dallo Stato. Molti siti web gestiti da eritrei che si trovano all’estero sono stati bloccati, così come il sito di condivisione di video You Tube. È noto che le autorità statali monitorano le comunicazioni e-mail, anche se l’utilizzo di internet è estremamente limitato. Secondo i dati più recenti rilasciati dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni, l’1,1% della popolazione ha utilizzato Internet nel 2015. Anche la pubblicazione di libri deve essere sottoposta al vaglio statale.
Il Paese ha fatto registrare il peggior record in Africa per quanto riguarda la detenzione dei giornalisti. L’organizzazione Committee to Protect Journalists ha stimato che almeno 19 giornalisti si trovavano in carcere nel 2010, quasi tutti detenuti incommunicado. La detenzione incommunicado consiste nell’impedire al detenuto qualsiasi contatto con l’esterno, non solo con amici o parenti, ma anche con l’avvocato o con i medici.
I giornalisti stranieri non possono entrare liberamente in Eritrea e, comunque, la loro presenza non è tollerata, a meno che non accettino di riportare notizie favorevoli al regime. Ci sono stati rari casi di rapporti prodotti da giornalisti che lavoravano in segreto, tuttavia rimane pressoché impossibile riuscire a operare liberamente all’interno del Paese.

Libertà di religione
Le garanzie costituzionali rispetto alla tutela della libertà religiosa, così come per le altre libertà fondamentali, vengono meno di fronte alle violazioni perpetrate dal governo e alla mancata attuazione della Costituzione.
Il governo limita notevolmente i diritti di tutte le comunità religiose presenti nel Paese sia a livello legislativo che nella prassi. Ai gruppi religiosi è richiesto l’ottenimento di un’autorizzazione rilasciata dall’Ufficio per gli Affari Religiosi e la successiva iscrizione in un apposito registro. Questa iscrizione è necessaria affinché i gruppi possano realizzare le attività e i servizi religiosi. Tuttavia, dal 2002, non è stata accettata alcuna registrazione oltre a quella dei quattro gruppi religiosi principali: la Chiesa Eritrea Ortodossa, la Chiesa Evangelica (Luterana), l’Islam e la Chiesa Cattolica Romana.
Le autorità governative hanno continuato a maltrattare e arrestare gli appartenenti sia ai gruppi religiosi registrati che a quelli non registrati. Gli arresti avvengono soprattutto durante le assemblee e i raduni pubblici a carattere religioso. Infine, anche le attività dei quattro gruppi principali sono costantemente controllate.
Limitazioni all’esercizio della libertà religiosa si verificano anche nello svolgimento del servizio di leva durante il quale l’esercizio del culto, anche nel caso delle quattro fedi riconosciute, è fortemente ostacolato: ai membri delle forze armate, per esempio, non è permesso pregare in gruppo e il possesso di libri religiosi, inclusa la Bibbia, è severamente punito.
Nelle carceri, i detenuti appartenenti ai gruppi religiosi subiscono di frequente maltrattamenti e vengono trattenuti in prigione per lunghi periodi senza processo. Si sono verificati casi in cui le persone sono state costrette a ripudiare la propria fede sotto minaccia, sottoposte a tortura e, a volte, sono decedute durante la permanenza in prigione. Spesso il ripudio del proprio credo è condizione necessaria per ottenere il rilascio.
Nel centro detentivo di Sawa, in particolare, si è a conoscenza di abusi perpetrati dai militari su giovani donne o uomini che, sulla base delle proprie credenze religiose, dichiarano uno status di obiezione di coscienza. Per questa ragione molti appartenenti alle fedi che prevedono l’obiezione di coscienza cercano di fuggire dal Paese prima dell’età prevista per il reclutamento.
Particolarmente preoccupante è la discriminazione operata contro la comunità dei Testimoni di Geova, il cui esercizio dei diritti civili e politici è fortemente limitato. Gli appartenenti a questa comunità, per motivazioni legati al loro credo, hanno deciso di non partecipare al referendum per l’indipendenza del 1993 e si rifiutano di effettuare il servizio militare. Il governo ha interpretato questi comportamenti come un rifiuto della cittadinanza eritrea e, con un decreto presidenziale del 1994, ha negato agli appartenenti a questo gruppo la possibilità di ottenere lavori pubblici, licenze lavorative, documenti di identità, titoli di viaggio e l’acceso ai servizi pubblici.
Numerosi sono stati i Testimoni di Geova e gli appartenenti alla Chiesa Pentecostale detenuti a Sawa dal 1994 in poi. Alcuni rapporti, infine, denunciano abusi sociali e discriminazioni sulla base dell’appartenenza religiosa, delle convinzioni di fede e della pratica del culto.

SOGGETTI VULNERABILI

DONNE

La legge eritrea riconosce alle donne pari opportunità di studio, parità di retribuzione, uguale accesso al lavoro e al diritto di proprietà.
Nonostante ciò, soprattutto nelle aree rurali, le discriminazioni in questi settori sono molto forti e gli uomini, principali detentori delle risorse economiche, mantengono privilegi per l’accesso all’educazione e al lavoro.
Violenze e abusi sulle donne sono molto diffusi, soprattutto nelle aree rurali. Sono frequenti, inoltre, i casi di stupro avvenuti durante il periodo di formazione e addestramento militare al campo di Sawa.
È difficile che le violenze siano denunciate, in parte perché sull’argomento vige un forte tabù a livello sociale, in parte perché i metodi per perseguire gli abusi sono limitati e spesso inefficaci. In particolare, per la violenza domestica – considerata un reato dalla legislazione vigente – non è prevista una specifica tipologia di pena, mentre in caso di stupro la vittima è spesso invitata dalle stesse autorità a sposare il proprio aggressore.

BAMBINI

Uno dei problemi principali delle giovani generazioni in Eritrea è strettamente collegato all’obbligo del servizio di leva. Infatti, come specificato in precedenza, anche se la legge proibisce il reclutamento dei giovani di età inferiore ai 18 anni, di fatto, i bambini vengono frequentemente reclutati e costretti a frequentare la scuola di formazione e di addestramento presso il campo militare di Sawa. I ragazzi che si sottraggono al reclutamento rischiano di essere arrestati. Gli studenti presenti a Sawa hanno, in genere, 18 anni ma esiste un’alta percentuale di bambini dell’età di 16 anni.
Il governo obbliga tutti gli studenti che hanno raggiunto l’ultimo anno della scuola secondaria (ad eccezione delle donne sposate che sono, in generale, esentate dalla leva) a frequentare il 12° grado di addestramento presso il campo militare di Sawa. Gli allievi che non frequentano questo anno conclusivo di addestramento non possono diplomarsi e non possono sostenere gli esami che permetterebbero loro di accedere al livello successivo di studi. Molti giovani cercano di allontanarsi dal Paese per evitare il reclutamento forzato mentre le ragazze, spesso, si sposano per essere esentate dal servizio di leva e dall’obbligo di frequenza della scuola militare.
Per quanto concerne gli abusi sui bambini va specificato che non esistono leggi precise che disciplinano questi reati, né programmi governativi finalizzati a contrastarli. Le punizioni fisiche, per esempio, sono pratiche diffuse e socialmente accettate. Per quanto concerne, invece, i reati di sfruttamento sessuale dei bambini, la legge punisce la prostituzione minorile, la pornografia e lo sfruttamento sessuale anche se, in diverse zone della capitale, la prostituzione, anche quella minorile, è diffusa.
L’età minima per contrarre matrimonio, sia per le donne che per gli uomini, è 18 anni. Alcune fedi religiose, tuttavia, celebrano matrimoni tra ragazzi più giovani.
Infine, la legge proibisce le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF). Le MGF sarebbero state ampiamente eliminate nelle aree urbane grazie alle campagne educative condotte dal governo. Nelle principali aree rurali, invece, risultano ancora abbastanza diffuse.

LGBT – LESBIAN, GAY, BISEXUAL E TRANSGENDER

Gli omosessuali sono una categoria particolarmente a rischio: la legge eritrea considera l’omosessualità un crimine e quanti hanno rapporti con persone del medesimo sesso sono sottoposti ad arresti, detenzioni e gravi discriminazioni sociali.
Esistono numerose testimonianze di gay o lesbiche che hanno subito gravi abusi durante lo svolgimento del servizio militare. Non esistono, infine, organizzazioni riconosciute rappresentative dei diritti di lesbiche, gay, bisessuali o transessuali.

RIFUGIATI

La permanenza delle tensioni con l’Etiopia e l’inasprimento delle relazioni con Djibouti hanno fatto sì che, negli ultimi dieci anni, l’Eritrea abbia vissuto in un perenne stato di mobilitazione militare. Questa circostanza, insieme alla svolta autoritaria operata dal governo, ha dato origine ad un massiccio flusso di persone in fuga dal Paese in cerca di protezione internazionale.

Nel solo periodo compreso tra gennaio e luglio 2016, l’UNHCR ha registrato 17.147 richieste di asilo in 44 paesi diversi da parte di cittadini eritrei, i quali hanno dovuto affrontare gravi violazioni dei diritti umani, sia nel corso del viaggio sia nei paesi di arrivo.

La maggior parte si dirige verso l’Etiopia o il Sudan, nonostante la politica attuata dal Governo consista nell’ordine di “sparare per uccidere” chiunque venga scoperto nel tentativo di varcare le frontiere nazionali. Molte delle persone che fuggono sono giovani che cercano di sottrarsi al servizio militare obbligatorio e senza termine. Le famiglie di coloro che scappano fronteggiano rappresaglie, maltrattamenti, sanzioni pecuniarie e carcerarie.

I richiedenti asilo che vengono rimpatriati in Eritrea perché la loro richiesta di protezione non viene accettata sono a rischio di detenzioni arbitrarie e torture.

 

 RIEPILOGO FONTI

21 maggio 2015