Radio Vaticana-Vatican News e Centro Astalli presentano “Non mi chiamo rifugiato”

In occasione della Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato 2020 della Chiesa Cattolica, Radio Vaticana-Vatican News e Centro Astalli presentano “Non mi chiamo rifugiato”, il nuovo programma radiofonico scritto e condotto dal giornalista della Radio Vaticana ​Stefano Leszczynski​.

Un progetto editoriale, radio e web, ideato per sensibilizzare ascoltatori e lettori sulla condizione dei rifugiati in Italia e sulla loro storia di esilio. Alcuni rifugiati, provenienti da Mali, Repubblica Democratica del Congo, Camerun e Afghanistan, accolti in Italia dal Centro Astalli. raccontano in prima persona le loro storie di vita e l’esperienza della migrazione forzata in fuga dal proprio paese.

Ogni testimonianza viene contestualizzata da un punto di vista storico, politico e sociale in modo da accompagnare il racconto nel suo evolversi e fornire gli strumenti per immergersi ed immedesimarsi nel vissuto del protagonista.

Il rifugiato smette in questo modo di essere semplicemente un numero o una statistica: ​da entità generica torna ad essere ​persona​ con il proprio vissuto, i propri affetti, le proprie paure e i progetti di vita.

Il contenuto dell’iniziativa risponde anche al dettato di ​Papa Francesco​, che proprio nel Messaggio per la 106.ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, scrive: “La conoscenza è un passo necessario verso la comprensione dell’altro. (…) Quando si parla di migranti e di sfollati troppo spesso ci si ferma ai numeri. Ma non si tratta di numeri, si tratta di persone! Se le incontriamo arriveremo a conoscerle. E conoscendo le loro storie riusciremo a comprendere.”

Il programma andrà in onda da sabato 26 settembre alle 17.05 con cadenza settimanale sulle frequenze 105.00 Fm e 103.8 Fm, digitalradio.it, canale tv 733, in podcast e pubblicato su ​www.vaticannews.va

Scheda di presentazione del format radiofonico

24 settembre 2020