Preoccupazione per accordo con la Tunisia! Si ritorni all’asilo

Oggi a Roma il Governo ha siglato l’accordo sul controllo dei flussi migratori tra Italia e Tunisia, che rafforza quello già firmato nel 2011 dal governo Berlusconi.
Il Centro Astalli esprime seria preoccupazione per questo accordo firmato a pochi giorni da quello con la Libia. Si continua a bloccare i migranti senza dar loro alcuna possibilità di arrivare in Europa in sicurezza.
P. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli commenta: “Perché si parla esclusivamente di immigrazioni irregolari o persino clandestine senza mai nominare i rifugiati? Istituzioni nazionali e sovranazionali diano conto delle ripetute violazioni del diritto internazionale e della Convenzione di Ginevra sullo status di rifugiato”.

Gli ultimi arrivi via mare descrivono Iraq, Nigeria, Afghanistan. Eritrea, Pakistan come nazionalità prevalenti dei migranti, con un aumento significativo di donne e bambini. Non sono né irregolari né clandestini, i cui diritti umani dovrebbe essere comunque tutelati, ma sono persone in fuga da guerra, persecuzioni e terrorismo che la costituzione italiana e le convenzioni internazionali ci impongono di accogliere e proteggere. Si stanno mettendo in atto politiche miopi e demagogiche che vanno interrotte immediatamente.

L’Italia faccia di più e meglio: “Lavori socialmente utili, hot spot, CIE sono misure disordinate, volte più a mostrare un apparente efficientismo politico che a gestire in maniera serie e lungimirante un fenomeno complesso che potrebbe avere effetti e ricadute positive nella nostra società” conclude Ripamonti

9 febbraio 2017