Papa Francesco: basta all’ostilità verso i migranti

In occasione della consueta udienza generale, papa Francesco ha ricordato il tema scelto dalle comunità di Malta e Gozo per la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: l’ospitalità.

Nel suo discorso il Pontefice facendo riferimento al passo degli Atti degli Apostoli che narra dell’ accoglienza riservata dagli abitanti di Malta a San Paolo e ai suoi compagni di viaggio, naufragati insieme a lui, ha sottolineato che i migranti ”affrontano viaggi rischiosi per sfuggire alla violenza, alla guerra, alla povertà”, e “sperimentano l’indifferenza, l’ostilità, non li lasciano sbarcare nei porti”. “Sono sfruttati da trafficanti criminali; sono trattati come numeri e come una minaccia da alcuni governanti; a volte l’inospitalità li rigetta come un’onda verso la povertà o i pericoli da cui sono fuggiti”.

E ancora: “come cristiani, dobbiamo lavorare insieme per mostrare ai migranti l’amore di Dio”: “possiamo e dobbiamo testimoniare che non ci sono soltanto l’ostilità e l’indifferenza”. “Lavorare insieme per vivere l’ospitalità, in particolare verso coloro la cui vita è più vulnerabile, ci renderà esseri umani migliori, discepoli migliori e un popolo cristiano più unito”.

 

22 gennaio 2020