Nota alla stampa – Naufragio al largo della Tunisia: l’immobilismo non può essere misura politica (11/06/2020)

Sono 34 finora i cadaveri ripescati al largo della Tunisia, vittime del naufragio di un’imbarcazione con 53 migranti a bordo, partita nella notte tra il 4 e il 5 giugno e diretta verso le coste italiane.

I corpi rinvenuti appartengono a 22 donne, 9 uomini, 3 bambini. Continuano le ricerche nel tratto di mare interessato dal naufragio nel tentativo di recuperare gli altri dispersi.

Secondo p. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli: “Non si può sospendere il soccorso in mare senza un piano alternativo di ingressi in Europa.

Le violazioni da parte dei governi del diritto internazionale pubblico, dei principi umanitari e del diritto del mare, sono talmente frequenti che non suscitano più alcuna reazione da parte di istituzioni nazionali e sovranazionali.

Un paradosso che preoccupa: a fronte dell’incremento di crisi umanitarie, guerre e calamità naturali nel mondo assistiamo in Europa a un indebolimento delle tutele internazionali e del rispetto dei diritti fondamentali”.

Il Centro Astalli chiede a chi ci governa di porre fine alla strage dei migranti in mare attivando immediatamente vie legali d’ingresso in Europa: canali umanitari, programmi di reinsediamento e visti di ingresso per lavoro sono misure esistenti che da troppo tempo non trovano applicazione.

Nota alla stampa 11.06.2020

11 giugno 2020