Naufragio di migranti al largo della Tunisia: 22 le vittime accertate

Sono almeno 22 i morti a causa del naufragio di un’imbarcazione con 53 migranti a bordo, al largo delle coste tunisine, avvenuto nella notte tra il 4 e 5 giugno scorsi. Secondo i media tunisini, fra le vittime, tutte probabilmente originarie dell’Africa subsahariana che cercavano di raggiungere l’Europa, ci sono anche due bambini e una donna.

In queste ore continuano le ricerche in mare, purtroppo è sempre più probabile che il numero delle vittime sia destinato a salire.

Nel silenzio dei media, nell’indifferenza della comunità internazionale i migranti in assenza di vie legali di accesso all’Europa continuano a essere costretti ad affidarsi ai trafficanti. Molti perdono la vita e molti altri vengono riportati indietro in porti non sicuri o in contesti di gravi crisi umanitarie. Purtroppo i diritti umani, le convenzioni internazionali e il diritto del mare trovano sempre meno applicazione e di conseguenza le loro violazioni, che si fanno sempre più frequenti rimangono impunite.

 

10 giugno 2020