Muore bimba in incendio a Lesbo. Tragedia evitabile.

Il Centro Astalli esprime profondo cordoglio e dolore per la morte di una bambina di sei anni a causa di un incendio scoppiato nel campo per migranti e rifugiati di Moria, sull’isola greca di Lesbo.
P. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli parla di “Una tragedia evitabile di cui l’Unione europea deve sentire tutto il peso della responsabilità.
Rimanere indifferenti mentre migliaia di migranti vivono in Europa in condizioni disumane è inaccettabile e profondamente ingiusto oltre che rappresentare una grave violazione dei principi cardine della nostra civiltà.

Solidarietà e responsabilità condivisa tra gli Stati membri salverebbero la vita a persone innocenti tra cui moltissimi bambini, in maniera sostenibile per tutti, senza gravare su un solo Paese, in questo momento così difficile per i governi e l’intera comunità internazionale”.

Per il Centro Astalli ricollocazione, redistribuzione e immediata dei migranti dalla Grecia e interruzione degli accordi con la Turchia risolverebbero una situazione che ormai da tempo è una vergogna per tutta l’Europa.

16 marzo 2020