Incontro tra Italia e UE sul soccorso dei migranti nel Mediterraneo. La preoccupazione del Centro Astalli

«Mare Nostrum è destinata ad essere sostituita da “Frontex plus”, abbiamo gettato le basi per realizzare questa operazione». Lo ha dichiarato ieri a Bruxelles il ministro dell’Interno Angelino Alfano nel corso della conferenza stampa dopo l’incontro con il commissario Ue per gli Affari interni Cecilia Malmström.

Secondo Alfano sono due i risultati concreti ottenuti dalla riunione a Bruxelles: la nascita di “Frontex plus” e che le barche usate dai trafficanti vengano distrutte per impedirne il riutilizzo.
Tali misure dovrebbero essere operative a partire dal prossimo novembre e tutti i Paesi dell’Unione Europea sono chiamati a contribuire al rafforzamento del bilancio dell’operazione anche con mezzi navali e aerei propri.

«Dobbiamo dire grazie all’Italia per l’immenso lavoro che sta facendo con l’operazione Mare Nostrum – ha dichiarato Malmström – hanno salvato centinaia di migliaia di persone in condizioni molto difficili. Questo è un dato che deve essere riconosciuto da tutto il mondo, dobbiamo ricordare che Mare Nostrum è stata una risposta ai terribili eventi di Lampedusa dello scorso ottobre, è stata creata come un’operazione di emergenza ma è stato subito chiaro che questo non è uno sforzo che l’Italia può sopportare da sola».

Il video della conferenza stampa dopo l’incontro tra Malmström e Alfano

In un’interivsta a Radio Vaticana la posizione del Centro Astalli su Frontex Plus

Il commento di Gad Lerner

28 agosto 2014