Il SaMiFo presenta il Report 2015. Attività e servizi sulla salute dei migranti forzati

In occasione della giornata mondiale per le vittime di tortura

Venerdì 26 giugno 2015 alle ore 9.00 presso la sala Convegni della ASL Roma A,
Presidio Nuovo Regina Margherita, via Morosini 30 – Roma.

Il SAMIFO presenta il Report 2015

Una fotografia aggiornata delle attività e dei servizi del Centro per la Salute dei Migranti Forzati.

Il centro SAMIFO  nasce nel 2006 dalla collaborazione tra l’Azienda USL Roma A e l’Associazione Centro Astalli, sede italiana del Jesuit Refugee Service (Del. n°260/2006, Del. n°1001/2010, 409/2015).Ha come obiettivo principale la presa in carico e la cura temporanea dei richiedenti e titolari di protezione internazionale, per un periodo non superiore a 24 mesi. Particolare attenzione viene riservata alle vittime di trattamenti disumani e degradanti.

I migranti forzati spesso condividono un drammatico passato traumatico, minaccioso per l’integrità e la continuità psichica, che include l’esposizione a violenza correlata con la guerra, aggressione sessuale, tortura, incarcerazione, genocidi e altre forme di minacce e annichilimento personale.

La tortura determina gravi conseguenze fisiche, mediche, neurobiologiche, psicologiche, sociali ed economiche sia a breve che a medio e lungo termine.

La condizione dei rifugiati vittime di traumi estremi nel nostro Paese è, tra le diverse vulnerabilità, la più critica per la gravità dei sintomi e per la grande diffusione (circa il 30% dei migranti forzati).

Sono almeno 300 le vittime di trattamenti disumani e degradanti compresa la tortura seguite dal SAMIFO ogni anno.

Il servizio offre a richiedenti asilo e rifugiati la possibilità di ricevere sia un’assistenza medica di base che un’assistenza specialistica presso gli ambulatori di psichiatria, psicologia, ginecologia e medicina legale.

La cooperazione tra soggetti del privato sociale e del servizio pubblico ha permesso di coniugare prestazioni sanitarie e azioni  di protezione sociale così da creare dei percorsi assistenziali integrati, capaci di rispondere alle complesse esigenze di un’utenza particolarmente vulnerabile.

Per info e prenotazioni
Giorgia Rocca: samifo@aslromaa.it – 3472149371

Il programma della giornata: SAMIFO

 

23 giugno 2015