Progetti in corso

Il Centro Astalli coglie l’opportunità dei progetti finanziati per accompagnare i rifugiati nel loro difficile percorso verso l’integrazione nel nostro Paese, in una stagione di crisi economica e in un clima di indifferenza, se non di ostilità, nei loro confronti. Al centro delle nostre progettualità teniamo una specifica attenzione per i più vulnerabili: le donne sole, le vittime di tortura e di violenza, i nuclei familiari.
Tra i fattori decisivi per l’inclusione sociale dei rifugiati c’è l’atteggiamento della società che li accoglie. Conoscenza, empatia, comunicazione corretta, sono tutti elementi che possono contribuire in mode decisivo a migliorare la condizione di chi cerca in Italia una seconda occasione. Per questo il Centro Astalli porta avanti progetti di formazione, in collaborazione con istituti scolastici di ogni indirizzo e con il sostegno delle istituzioni. Costruire una società più giusta e accogliente resta un’emergenza, soprattutto in periodi complicati e incerti come questo.

a lawer for friend

ALF – A lawyer for friend

Il progetto vuole rafforzare, ma non di rado anche semplicemente garantire, l’assistenza legale ai migranti forzati residenti a Roma per regolarizzare il loro status come primo indispensabile passo per accedere agli altri servizi cui hanno diritto.

facciamo quadrato

Facciamo quadrato

Il progetto ha l’obiettivo di ampliare le opportunità di inclusione sociale e rafforzare i percorsi di attivazione rivolti ai migranti cosiddetti transitanti che vivono a Roma attraverso un potenziamento e coordinamento dell’azione degli enti partner.

change

CHANGE

Il progetto mira a costruire società più inclusive promuovendo e stimolando le capacità di pensiero critico dei giovani (13-18 anni), specie nell’era di internet e dei social network, sul contributo attivo e positivo dei migranti alle società che li accolgono attraverso l’incontro diretto con un migrante forzato.

Never alone

XING CROSSING (Never alone)

Il progetto ha come obiettivo di facilitare i percorsi di inclusione socio-lavorativa dei minori stranieri non accompagnati e neo-maggiorenni (17-21 anni) accolti a Roma, Torino e Catania attraverso un sistema di presa in carico che si integri con i sistemi di accoglienza già attivi sui territori (…)

interculturaction

INTERCULTUR(A)CTION

Il progetto offre supporto ai migranti forzati per consentirgli di raggiungere l’indipendenza economica anche attraverso l’approfondimento della conoscenza reciproca con la comunità locale così da superare diffidenze e consentire ai beneficiari di sentirsi parte attiva della società.

fari2

FARI 2

Il progetto tende a rafforzare l’azione di mediazione socio-linguistica presso il SaMiFo, per dare risposte efficaci ai bisogni di salute fisica e mentale dei richiedenti e titolari di protezione internazionale in condizione di vulnerabilità psico-sanitaria, presenti nel territorio regionale.

ali

ALI 2.0 L’ALFABETO PER IL LAVORO E L’INCLUSIONE

Il progetto, avviato a maggio 2019, si pone l’obiettivo di promuovere la formazione civico-linguistica dei cittadini dei Paesi terzi vulnerabili, quale fondamentale strumento per la loro inclusione sociale. Nell’ambito delle diverse azioni progettuali il Centro Astalli realizzerà dei percorsi sperimentali inerenti il lessico del lavoro e organizzerà tre corsi di italiano per analfabeti.

Giornata del migrante 2017

TOGETHER – Costruiamo insieme il futuro

Il progetto, iniziato ad aprile 2017, ha l’obiettivo di rafforzare le reti territoriali per l’inclusione dei minori stranieri non accompagnati e dei neo-maggiorenni (17-19 anni) accolti nei territori di Catania, Roma e Torino accompagnandoli in percorsi di formazione e avviamento all’autonomia sociale e lavorativa.

united-nations-humanrights-council-logo-300px

Accompagnamento persone vulnerabili

Ogni anno il Centro Astalli riceve un contributo dal Fondo Volontario delle Nazioni Unite per le Vittime di Tortura, per la realizzazione di specifici percorsi di accompagnamento legale, medico e sociale dedicati all’accoglienza e alla presa in carico di richiedenti asilo e rifugiati vittime di tortura o di trattamenti inumani o degradanti.