Progetti conclusi

In questa sezione sono raccolti i progetti a cui abbiamo lavorato nel corso degli ultimi anni e che non sono più in corso.

rifugiata costa d'avorio

Percorsi integrati di supporto alle donne rifugiate

Grazie al contributo del programma televisivo Rischiatutto, il Centro Astalli ha potuto realizzare per 100 donne richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale dei percorsi individuali di accompagnamento socio-sanitario, di assistenza legale, di insegnamento della lingua italiana, di orientamento e formazione per accedere al mondo del lavoro.

donna__2__01

Samifo Women

Il 1° aprile 2016 è stato avviato un progetto annuale volto alla promozione della salute delle donne migranti nonché all’assistenza per un effettivo accesso alle cure.

images (9)

Emergenza freddo

Da dicembre 2016 l’Associazione Centro Astalli ha aderito al Piano di Roma Capitale “Emergenza freddo” accogliendo ogni mattina nei locali della mensa richiedenti e titolari di protezione internazionale privi di fissa dimora e che necessitavano, soprattutto nei mesi invernali, di un luogo familiare dove potersi riscaldare e ristorare.

guarneri-2_1_

COH – Communities of Hospitality

Da diversi anni gli uffici del JRS in Europa promuovono nuovi modi di offrire ospitalità ai rifugiati con l’attivo coinvolgimento delle comunità locali: centri diurni, attività ricreative, ospitalità in famiglia o in comunità religiose, amicizia.

Migrants

PEB – Protection at External Border

Le frontiere esterne dell’Unione Europea sono luoghi in cui i migranti forzati che approdano dopo viaggi sempre più lunghi e pericolosi devono affrontare misure di sicurezza e controlli sempre più difficili da superare. Per persone vulnerabili e molto provate dai traumi della migrazione far valere il proprio diritto a chiedere protezione non è facile.

rifugiati_10

FARI – Formare Assistere Riabilitare Inserire

Rispondere ai bisogni di salute fisica e mentale di richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale e minori, in particolare attraverso l’individuazione ed emersione precoce della vulnerabilità, la cura, la riabilitazione e l’inserimento socio-economico dei beneficiari: è stato questo l’obiettivo del progetto FARI, avviato nel mese di ottobre 2016 e terminato a dicembre 2018.