65 dispersi in mare. Soccorrere ed evacuare subito i migranti dalla Libia.

Il Centro Astalli esprime seria preoccupazione per le condizioni dei 65 migranti dispersi nel Mediterraneo a causa della mancanza di un intervento tempestivo di soccorso in mare da parte delle autorità competenti.

Ci appelliamo alle istituzioni nazionali e sovranazionali affinché si intervenga subito per ritrovarli e portarli in salvo.

Lasciar morire degli esseri umani senza far di tutto per soccorrerli dovrebbe suscitare vergogna e rabbia in ogni cittadino europeo e invece indifferenza e assuefazione sembrano avallare sempre più politiche di chiusura e di respingimento.

Il Centro Astalli chiede al Governo italiano di attivarsi tempestivamente per dar seguito a quanto dichiarato ieri dalla Ministro Luciana Lamorgese nell’incontro con Fayez al Serraj a Tripoli riguardo la necessità di operazioni di evacuazione dei migranti presenti nei centri gestiti dal Governo libico attraverso corridoi umanitari organizzati dalla UE e gestiti dall’ONU.

Spezzare il giogo dei traffici di esseri umani è possibile investendo risorse ed energie in operazioni legali che tutelino la dignità e i diritti umani dei migranti.

17 luglio 2020