3 ottobre: giornata della memoria delle vittime dell’immigrazione

La notte del 3 ottobre di sette anni fa, 368 persone morirono in un tragico naufragio a poche miglia dalle coste di Lampedusa. Dal 2016 in questo giorno si celebra la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, per ricordare quanti sono morti quella notte e delle altre migliaia di migranti rimasti vittime dei viaggi verso l’Europa.

Un tempo per non dimenticare bambini, donne e uomini, relegati troppo spesso all’oblio della nostra indifferenza e costruire integrazione. Per l’occasione sono tante le iniziative organizzate dal Centro Astalli e dalla Rete territoriale.

In particolare segnaliamo:

- l’editoriale “Dov’è tuo fratello” di p. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli, pubblicato su “Avvenire”

gli eventi organizzati per l’occasione dal Centro Astalli Trento in collaborazione con la rete With Refugees Trentino, Libera Trentino, Villa Sant’Ignazio e CSV Trentino: sabato 3 ottobre dalle ore 14:00, appuntamento con la mostra “I sommersi e i salvati” per ammirare realizzazioni artistiche artistiche lungo il viale che dal cimitero porta al Muse; a seguire alle ore 18.00 in via Giusti presso il Cimitero Monumentale di Trento, si terrà la commemorazione in memoria delle vittime, previsti interventi e preghiera interreligiosa, a cura dell’Arcidiocesi di Trento, del Tavolo Locale delle Appartenenze Religiose, del Centro Astalli Trento e della rete #withrefugeestrentino.

3 ottobre 2020