Giornata della pace. Il primo Angelus dell’anno è per i migranti

“Desidero, ancora una volta, farmi voce di questi nostri fratelli e sorelle che invocano per il loro futuro un orizzonte di pace. Per questa pace, che è diritto di tutti, molti di loro sono disposti a rischiare la vita in un viaggio che in gran parte dei casi è lungo e pericoloso”
Il primo Angelus pronunciato da Papa Francesco nel 2018 è dedicato ai migranti perché a loro è dedicata la Giornata Mondiale della Pace: “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”, che la Chiesa cattolica celebra oggi, 1 gennaio.
“Desidero, ancora una volta, farmi voce di questi nostri fratelli e sorelle che invocano per il loro futuro un orizzonte di pace. Per questa pace, che è diritto di tutti, molti di loro sono disposti a rischiare la vita in un viaggio che in gran parte dei casi è lungo e pericoloso; sono disposti ad affrontare fatiche e sofferenze”
Il Pontefice ha chiesto di non “spegnere la speranza nel loro cuore; non soffochiamo le loro aspettative di pace! È importante che da parte di tutti, istituzioni civili, realtà educative, assistenziali ed ecclesiali, ci sia l’impegno per assicurare ai rifugiati, ai migranti, a tutti un avvenire di pace.

1 gennaio 2018